PAEA - Progetti Alternativi per l'Energia e l'Ambiente

Lavatrici, la scoperta dell' ''acqua calda''

Risparmiare energia elettrica con l'acqua della caldaia

dispositivo SAVELa maggior parte del consumo elettrico di lavatrici (e lavastoviglie) avviene per alimentare una resistenza elettrica che a sua volta riscalda l'acqua. A parità di prestazioni, sarebbe in realtà molto più economico - ed anche più ecologico - scaldarla con il gas della caldaia. Trasformare l'energia elettrica in calore è infatti il modo più inefficiente di utilizzarla: il petrolio, carbone o metano che sono stati bruciati per produrla, sono almeno il triplo di quelli che occorrono per produrre direttamente il calore di cui abbiamo bisogno.

In alternativa, in commercio esistono elettrodomestici ''a doppio ingresso'' oppure dispositivi aggiuntivi che permettono di usare l’acqua calda dalla caldaia per la lavatrice.

Lavatrici a doppio ingresso
Si tratta di lavatrici che dispongono di un doppio ingresso - caldo e freddo - e di un sistema di miscelazione che regola la temperatura dell'acqua in base al programma di lavaggio. Con una lavatrice a doppio flusso si evita di scaldare l'acqua con la resistenza e si può usare direttamente l'acqua scaldata con la caldaia - o, nella migliore delle ipotesi, con un sistema integrato di pannelli solari termici. Il risultato è che ci può far consumare meno della metà di un modello in classe A+. L'unico problema è che questi apparecchi sono mediamente più cari di quelli convenzionali.
dispositivo SAVE

Dispositivi aggiuntivi
Se si vuole adattare la propria lavatrice tradizionale esiste un'altra soluzione, più tecnologica e commercializzata: a monte della lavatrice si applica un dispositivo che eroga l'acqua direttamente dall’impianto idrico di casa e alla temperatura desiderata: solo calda, solo fredda o miscelata. E' facile da installare, poiché è sufficiente collegarlo ad una presa di corrente da 220V e all'impianto d'acqua fredda e calda dei sanitari tramite i tubi in dotazione: dispositivi come il Save El.En - scelto dalla mostra itinerante della Casa EcoLogica - distinguono poi la fase di lavaggio dalla fase di risciacquo, e attraverso un controllo elettronico provvedono ad immettere solo acqua fredda in quest’ultima fase.
Il vantaggio economico e ambientale è garantito.

Dal momento che il consumo d'energia elettrica della lavatrice è quasi totalmente imputabile alla resistenza elettrica, il risparmio economico sarà tanto maggiore quanto più efficace sarà l'impianto di riscaldamento di casa. La resistenza consumerà solo l’energia necessaria a portare l'acqua calda dalla temperatura impostata sulla caldaia a quella richiesta per la lavatrice.

Non ultimo, in questo modo si riduce la formazione di calcare all'interno della lavatrice poiché l'acqua, non venendo più o quasi a contatto con la superficie incandescente della resistenza, non farà cristallizzare i sali minerali. Si prolunga quindi la vita della lavatrice e allo stesso tempo si risparmia sul consumo di prodotti anticalcare.

Vai al dispositivo Save El.En sul sito E-Com di PAEA

Il sito web di SAVE EL.EN: www.saveelen.com

Sede operativa: Loc. Montebamboli 25/a - 58024 Massa Marittima (GR) - tel. 0566 216207 - email: info@paea.it
Sede legale: Via Foggini 37-45 - 50142 Firenze - P.I. 02057970358 C.F. 91088290357

Sviluppato da Nimaia